Iperidrosi, un problema da risolvere

L’estate è alle porte, e con i primi caldi basta muoversi un po’ di più e si comincia a sudare. La sudorazione è un processo fisiologico , ma ci sono molte persone che sudano in maniera eccessiva, in particolar modo sotto le ascelle, a livello di mani e piedi, con imbarazzo e disagio psicologico nella vita lavorativa e nella sfera privata.

Iperidrosi, il problema di iper-sudorazione si migliora con l’uso del botox.

La patologia che provoca eccessiva sudorazione sotto le ascelle, alle mani, ai piedi, prende il nome di iperidrosi. È una patologia piuttosto diffusa, sia negli uomini che nelle donne.
Il paziente ha piedi costantemente bagnati, mani fredde e bagnate, sudorazione fortissima dalle ascelle, dunque abiti costantemente chiazzati di sudore, con forte disagio ad affrontare una normale vita sociale e di relazione.

Oggi, grazie all’utilizzo della tossina botulinica, esiste una soluzione semplice a questo problema, rapida, efficace. La tossina botulinica viene utilizzata ormai da moltissimi anni nell’ambito delle patologie oftalmiche e neurologiche, e già da alcuni anni con successo anche nell’ambito della chirurgia e medicina estetica.
Tecnicamente, nell’iperidrosi, il botox blocca, temporaneamente, la produzione di acetilcolina, il composto chimico coinvolto nella trasmissione degli impulsi nervosi alle ghiandole sudoripare. In questo modo manca alla ghiandola il catalizzatore dell’impulso, e la produzione del sudore viene limitata.

Il trattamento per ‘bloccare’ l’eccessiva sudorazione consiste nell’infiltrazione superficiale di botulino attraverso un sottilissimo ago nelle aree da trattare.
La seduta, dura dai 15 ai 30 minuti. Gli effetti saranno apprezzabili entro la prima settimana, per avere un effetto massimo a distanza di un mese. Il trattamento con botox dura circa 6 mesi, poi va ripetuto.