Botox antirughe gia’ a 20 anni, esperti Usa non le bocciano

a7Negli USA l’emittente televisiva CBS news ne ha dato notizia i giorni scorsi con interviste a giovani, una ragazza di 22 ed un ragazzo 27 anni, che si fanno iniettate il veleno piu’ potente esistente in natura, il botulino, per bloccare l’invecchiamento prima che arrivi. Riprende le interviste dell’emittente televisiva anche l’American Society for aestethic plastic surgery (Asaps) che non boccia la tendenza ma al contrario, in una nota, riferisce che ci sono dottori che ne approvano l’impiego per prevenire la formazione delle rughe perche’, bloccando i muscoli, la pelle si preserva piu’ liscia a lungo. ”E’ indispensabile comunque rivolgersi a chirurghi plastici certificati. Se hai ancora dubbi sulla popolarita’ del botox, i numeri non mentono” scrive l’Asap snocciolando statistiche da capogiro: 4.030.318 punture di botulino per singolo specialista, infermiere o assistente fatte nell’arco del 2011.

”In Italia fino a 5 anni fa’ il botulino era richiesto dai 35 anni in poi a scopo anti invecchiamento, adesso invece anche nel nostro Paese e’ scesa notevolmente l’eta’ della prima punturina” spiega Marco Gasparotti, chirurgo plastico a Roma e membro dell’Asaps. ”Gia’a 18-20 anni le ragazze lo chiedono non come antirughe ma per avere uno sguardo diverso, perche’ la tossina alza le sopracciglia e allunga lo sguardo. Le modelle non si sottopongono piu’ al minilifting delle palpebre ma fanno tutte il botulino. E cosi’ anche le giovani, aspiranti comparsate, modelle o cantanti alle trasmissioni televisive, ma non solo la richiesta riguarda le giovani che vogliono apparire piu’ affascinanti o che hanno occhi gia’ stanchi o con un taglio basso”. ”In Italia e’ scesa notevolmente l’eta’ in cui le donne si sottopongono anche ai primi filler riempitivi negli zigomi e nelle labbra, gia’ molto richiesti fra i 20 ed i 30 anni. La paura di invecchiare non c’entra, li scelgono soprattutto per cambiare l’espressione del viso. In assoluto l’uso del botulino fin da giovani per prevenire le rughe e’ comunque una follia” sottolinea Marco Gasparotti. (ANSA).

Articolo ANSA originale