Filtri solari Tra effetto barriera e formule anti-age è boom del naturale

Raggi Uv: usare (solo) con cura. Perché, al di là della “cattiva fama” che li accompagna (sono i maggiori responsabili del fotoinvecchiamento e relativi problemi), con una buona esposizione hanno un potere quasi taumaturgico (tra l’ altro, funzionano da antidepressivo e preservano il capitale osseo) e migliorano alcune défaillances cutanee. «Gli ultravioletti apportano benefici a diverse malattie della pelle: a dermatite atopica, psoriasi e vitiligine in primis, eczemi», dice la dermatologa Corinna Rigoni, presidente dell’ Associazione donne dermatologhe Italia. L’ essenziale, ovvio, è evitare le tintarelle express (mai nelle ore intorno al mezzogiorno) e, al contrario, esporsi gradualmente, applicando in abbondanza e con frequenza (ogni due ore e dopo il bagno, anche se il prodotto è waterproof) un solare adatto al proprio fototipo…

pdf sito