Se il lifting è mini

L’estate sarà presto alle spalle e con lei anche quell’impeccabile colorito ambrato, spesso frutto di una piacevole quanto eccessiva esposizione ai raggi solari.

Ed è così che ci si trova a fare i conti con un viso disidratato ed, inevitabilmente, con qualche ruga in più.

Di come eliminare queste imperfezioni, donando così un nuovo aspetto alla nostra pelle, abbiamo parlato con il Professor Marco Gasparotti, docente di Chirurgia Estetica in alcune tra le più prestigiose università italiane.

Professor Gasparotti come ovviare al problema del rilasciamento cutaneo?
Contro ogni rilasciamento del viso e del collo è opportuno quanto risolutivo praticare il minilifting, intervento atto a donare nuova freschezza e tono alla pelle ed alla muscolatura.

Quali i tempi di questa chirurgia e soprattutto a chi è rivolta?
Si tratta si un intervento piuttosto veloce, eseguito in anestesia generale previa presentazione di esami ematochimici di routine. La durata complessiva è di circa 3 ore e non comporta alcun tipo di dolore né fastidio post-operatorio.

A che età si rivolge ed a che tipologie di individui?
L’età indicata è quella intorno ai 40 anni o anche più giovane, nel caso in cui si sia verificato un dimagrimento importante . Per ciò che riguarda la tipologia, l’intervento è adatto sia a donne che a uomini, la cui esigenza è quella di sentirsi ‘in ordine ’ con il proprio aspetto.

Cosa aspettarsi dal post operatorio?
Ad un lifting ben fatto residuano cicatrici sottilissime ed invisibili, completamente nascoste dentro l’orecchio e nei capelli, dunque ben ‘portate’ anche dagli uomini con capelli corti. E’ necessario portare un bendaggio elastocompressivo nelle 48 ore successive all’intervento. Dopo 5/6 giorni di riposo si possono riprendere le proprie attività lavorative e sociali, fatta eccezione per sauna, piscina, palestra ed attività fisica intensa. Una parte dei punti viene infatti rimossa in sesta giornata, mentre i restanti in dodicesima, completamente nascosti però tra i capelli.

Cosa consiglierebbe a coloro che hanno intenzione di sottoporsi a questo intervento?
Consiglio sempre di affidarsi a mani esperte,a specialisti in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (www.sicpre.org) che operino in strutture qualificate ed attrezzate e con la presenza di un anestesista, al fine di evitare complicanze che generalmente sono molto rare.