Mastopessi per mostrare il decoltè

È molto attraente per una donna mostrare un bel decoltè, e fare sfoggio di un bel seno sulla spiaggia.

Con il passare degli anni, o in seguito a gravidanza o a perdita di peso, il seno si svuota , e la pelle perde la sua caratteristica di elasticità e tonicità che fare allora, in questi casi?
Tecnicamente si parla di ptosi del seno, che è molto frequente anche in giovane età, in seguito ad una gravidanza o a un dimagrimento.
In questi casi si può intervenire con un intervento di mastopessi , abbinato ad una mastoplastica additiva nel caso in cui , oltre a risollevare il seno e a renderlo più tonico, la paziente desideri anche una o due taglie in più
La mastopessi è un intervento che si esegue in anestesia generale, prevede una notte di ricovero e dura , a seconda dei casi, all’incirca un’ora, un’ora e mezza.

Il rilassamento del seno puo’ interessare solo la cute (ptosi cutanea), o la ghiandola (ptosi ghiandolare), anche se nella maggior parte dei casi coinvolge entrambe le strutture.
Attraverso una incisione attorno all’areola, raramente associata ad una piccola verticale dall’areola al solco, il chirurgo procede a rassodare e a sollevare i seni, riposizionando anche l’areola ed il capezzolo .
Il risultato è un bel seno tonico, più sodo e voluminoso.
Dopo un paio di giorni di riposo a casa si puo’ tornare al lavoro, limitando per una decina di giorni l’uso delle braccia.
Non ci sono controindicazioni a fare questo intervento in piena estate.
Evitare l’esposizione al sole almeno per i primi 15 giorni successivi all’intervento.